Cu Fu ‘sto CNEL (Che era il CNEL) di Marco Santero

25 novembre 2016 | politica | di Redazione ALI | 0 Commenti
Per seguirci e condividere:

 

 

 

QUESTA E’ LA REAZIONE DEL 95% (MINIMO) DEGLI ITALIANI CHIAMATI A VOTARE QUESTO QUESTITO BIDONE, DATO CHE NON SPIEGA TUTTO IL RESTO DI QUELLO CHE CAMBIA, compresa l’elezione del Presidente della Repubblica, dei giudici della Corte Costituzionale, l’inserimento in costituzione per 12 volte di vincoli con l’UNIONE EUROEPA!!

MA PER FREGARE I CITTADINI MANTENUTI IN UNA CONDIZIONE DI IGNORANZA INDOTTA VERGOGNOSA ECCO IL TESTO TRUFFA

« Approvate il testo della legge costituzionale concernente “disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del Cnel e la revisione del Titolo V della parte II della Costituzione”, approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 88 del 15 aprile 2016? »

In un momento in cui la demagogia impera e la tendenza a parlare alla pancia dei cittadini è una costante che premia, annunciare la eliminazione del CNEL (art. 99 della Costituzione) per risparmiare un po’ di denaro

(12 MILIONI DI EURO, CIOE’ 0,20 CENTESIMI ALL’ANNO A ITALIANO)

MENTRE L’AIR FORCE RENZI DA SOLO COSTA PIU’ DI 10 VOLTE IL CNEL!! E L’HA VOLUTO RENZI , CHE QUANDO FACEVA IL “ROTTAMATORE” TUTTI I TG LO FACEVANO VEDERE CHE ARRIVAVA IN BICICLETTA E ALLA STAZIONE COL TROLLEY.

È UNA MOSSA FACILE CON APPLAUSO È ASSICURATO, ANCHE SE CHI APPLAUDE PROBABILMENTE NON SA NEPPURE COSA SIA L’ORGANO IN QUESTIONE!!

Il CNEL è un Organo costituzionale composto dai rappresentanti di tutte le categorie produttive, ha funzione consultiva nei confronti del Governo e delle Camere e può contribuire alla elaborazione delle legislazione economica e sociale.

Tale Organismo, unitamente alla previsione costituzionale (art. 46) della partecipazione dei lavoratori alla gestione delle aziende, nel 1947 proiettò la Costituzione italiana in una dimensione di lungimiranza sociale di assoluta avanguardia rispetto agli altri paesi occidentali.

I vari Governi succedutisi alla guida del Paese dal 1947 in poi e le varie rappresentanze sociali non hanno mai voluto sfruttare le opportunità che la lungimiranza dei costituenti aveva messo loro a disposizione. In concreto, né è stato applicato l’art. 46 della Costituzione, né si sono utilizzate le potenzialità del CNEL, lasciando che questo importante Organismo costituzionale si collocasse in un binario morto.

Infatti come dice già il titolo (e all’interno spiega in modo magistrale) dell’ottimo libro del prof. Settis (ex direttore della Normale di Pisa):

COSTITUZIONE MEGLIO ATTUARLA CHE CAMBIARLA”

E’ accaduto quindi che quasi tutti i Governi in occasione della trattazione e valutazione di questioni economiche e sociali invece di attivare il CNEL hanno preferito incontrare direttamente le categorie economiche interessate. I più importanti provvedimenti in materia economica e sociale degli ultimi quarant’anni sono tutti passati dai famosi “tavoli di confronto” Governo-parti socali.

TRATTATIVE INFORMALI, SENZA REGOLE PREDEFINITE E SOVENTE SENZA ADEGUATA INFORMAZIONE AI CITTADINI.

L’assenza di regole dei cosiddetti “tavoli” ha fatto si che non tutti i Governi si sono sentiti legati a questa prassi, con la conseguenza che in alcune circostanze hanno evitato o svilito il confronto. Dal lato opposto le parti sociali quando hanno partecipatori ai cosiddetti “tavoli di confronto”– svoltisi spesso a porte chiuse sul modello Nazzareno – non si sono sentite particolarmente vincolate né responsabilizzate dalle decisioni governative assunte a seguito delle trattative. Un esempio fra tutti. In materia previdenziale è noto che molti provvedimenti predisposti in passato dall’Esecutivo sono stati scritti a quattro mani con le rappresentanze economiche e sindacali. Quando però il Paese ha dovuto constatare che la legislazione pensionistica faceva acqua a causa di una eccesiva faciloneria, vedasi baby pensioni e prepensionamenti e pensionamenti facili, non si sono mai udite le parti sociali riconoscere con chiarezza la propria corresponsabilità.

Se la riforma costituzionale voleva intervenire sul CNEL, avrebbe dovuto rafforzare questo Organismo, facendo obbligatoriamente confluire il confronto fra Governo e parti sociali nell’ambito delle sue funzioni, per garantire certezza, trasparenza e responsabilità. Invece la riforma propone di eliminare il CNEL, lasciando che i rapporti fra Governo e parti sociali continuino ad essere informali, non impegnativi e poco trasparenti.

UNA ULTERIORE RAGIONE PER VOTARE NO AD UNA RIFORMA TRUFFA



Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial